Letture e animazioni nel canale YouTube di ICWA

YTLogo

Pinocchiate d'Autore - Scarica l'e-book e contribuisci alle iniziative ICWA

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Come si svolgeranno gli incontri?

Quelli con gli ospiti prevedono una serie di domande mie, e poi quelle dei partecipanti che avrò raccolto via mail. Quelli con me partiranno dalla lettura di qualche saggio, manuale, testo accademico, che mi darà lo spunto per introdurre la tecnica in esame dal punto di vista teorico. Poi ci sposteremo sui libri per ragazzi, leggerò qualche brano o interi albi illustrati per mostrare come i grandi autori applicano queste tecniche, per gustarle insieme. A chi segue il corso completo, assegnerò qualche semplice esercizio che poi discuteremo insieme, almeno in parte, per condividere difficoltà, soluzioni, correzioni… Alla fine di ogni incontro darò qualche suggerimento di lettura sia per approfondire la parte teorica, sia per conoscere - o convincersi finalmente a leggere - qualche altro ottimo esempio di letteratura contemporanea per ragazzi, italiana ed estera. Tirerò in ballo anche i grandi classici della letteratura, per mostrare come hanno usato le stesse tecniche che via via studieremo: Dickens, Faulkner, Manzoni, Balzac, Fitzgerald, T.S. Eliot, Verne… persino Galileo Galilei, tutti hanno usato tecniche che possiamo ritrovare nella buona letteratura per l’infanzia.

Last but not least: sto preparando interventi di ospiti a sorpresa davvero eccezionali.

In cosa si differenzia il corso base sulle tecniche di scrittura creativa, rispetto al corso di scrittura creativa e sopravvivenza di Manuela Salvi, già alla seconda edizione in ICWA?

Come dice il nome stesso: il mio è un corso base, rivolto a chi sta muovendo i primi passi nel mondo della scrittura e si chiede, per esempio: “Come si sceglie se raccontare una storia in prima persona o in terza? Che differenza c’è?”. Ci sono molte differenze, a cominciare dal fatto che non esiste solo una prima persona o una terza persona, ma altre sfumature che dovrebbero incidere sulla scelta del famigerato POV. Questi sono i fondamentali. Se li si conosce, si può seguire il corso di Manuela Salvi in modo più proficuo, fare il salto di qualità partendo da una base solida. Lo so perché l’ho seguito anch’io l’anno scorso e l’ho trovato utilissimo.

A quali altre domande risponde il corso base?

  • Come si costruisce una trama?
  • Non basta l’ispirazione?
  • Costruire, non è una forzatura?
  • Ho scritto una storia e mi hanno detto che il personaggio principale non funziona, ma non mi hanno spiegato perché…
  • Cos’è esattamente lo stile?
  • Come faccio a trovare il mio?

E altre che, spero, faranno i partecipanti.

Ci sono tre serate in calendario, con ospiti che non insegneranno tecniche…

Scrivere per mestiere, vuol dire che una volta completato il manoscritto bisogna relazionarsi con gli altri anelli della filiera. Ecco perché ci saranno tre incontri con una editor e agente letteraria, una casa editrice di grande prestigio, una giornalista specializzata in letteratura per ragazzi. Spesso ci vogliono anni per far uscire un manoscritto dal cassetto… e pochi secondi per farlo finire nella spazzatura. Proviamo a evitarlo?

Il corso è rivolto SOLO ad aspiranti scrittori professionisti?

No. Si sono già iscritte alcune professioniste del mondo dell’editoria, cosa che garantirà scambi di esperienze molto interessanti. Fare rete con altri professionisti è fondamentale, come ha detto una volta uno scrittore che conosco: “Una carriera letteraria, raramente si sviluppa nel deserto”.

Un/a semplice appassionato/a di libri per ragazzi che non vuole tentare nessuna carriera, può iscriversi a questo corso?

Certamente! Conoscere i meccanismi alla base della scrittura, aiuta a diventare lettori più consapevoli, a scegliere ma soprattutto a gustare molto meglio le letture che facciamo. Inoltre, da questo corso si uscirà con una bibliografia molto consistente di saggi, manualistica, narrativa e albi illustrati. Potrebbe essere un ottimo aggiornamento anche per insegnanti che sentono di non essere molto formati e/o aggiornati nel campo dei libri per ragazzi.

Quali prerequisiti sono necessari a chi vuole seguire il corso?

Curiosità, voglia di impegnarsi, voglia di condivisione e… un comodino molto solido e spazioso, in grado di reggere tutte le letture che scopriremo insieme.