Storia di Scampia Storytelling

Scampia Storytelling – Festival delle periferie è un progetto nato nel 2014, organizzato con l’intento di portare bellezza e cultura in questo quartiere della periferia Nord di Napoli che in poco più di quattro chilometri quadrati stipa decine di migliaia di persone (circa quarantamila secondo i numeri ufficiali, cui però si devono aggiungere gli “invisibili”, come le famiglie che hanno occupato abusivamente le case o la comunità Rom).

Nell’anno della sua nascita il progetto è stato inserito tra le manifestazioni della Settimana per il “Decennio ONU dell’Educazione allo Sviluppo Sostenibile 2005-2014”, promossa dall’UNESCO. Nei due giorni di festival sono stati organizzati incontri con gli autori, dibattiti, laboratori di lettura e narrazione e momenti conviviali. Grazie al contatto con fondazioni internazionali, abbiamo anche raccolto Storie di futuro, storie scritte da ragazzi di diverse nazioni, unendole a quelle dei bambini di Scampia. Spaccati di vita quotidiana, per far conoscere non solo i problemi ma anche le belle realtà e le persone che le vivono. PER LEGGERLE CLICCA QUI. In quella occasione alcuni autori hanno scritto una lettera per parlare di bellezza e letture ai bambini. PER LEGGERE LE LETTERE CLICCA QUI.

Nel 2015 arriva anche in libreria il graphic novel Scampia Storytelling, immagini di futuro firmato da Rosa Tiziana Bruno e Roberto Piumini, con le illustrazioni di Giuseppe Guida, pubblicato da Notes edizioni.

Se dal 2014 al 2018 l’attenzione viene rivolta alle scuole di Scampia (NA) nel 2019 il progetto esce dai confini campani, portando alcuni autori a parlare di storie e bellezza anche in alcune classi dell’Istituto Comprensivo Varese 1 – Scuola IV Novembre di Varese, creando un ideale legame tra la Campania e la Lombardia.

Nemmeno le restrizioni imposte dalla pandemia nel 2020 hanno bloccato l’entusiasmo e la determinazione dell’associazione: siamo riusciti a realizzare una settima edizione tutta da remoto, ampliando anche le scuole e le province aderenti. Oltre a Scampia e a Varese gli scrittori sono intervenuti infatti nell’Istituto Comprensivo “Sorelle Agazzi”, plessi scuola primaria di via Gabbro e piazza Gasparri nella periferia di Milano.

Si è svolta invece con formula mista l’ottava edizione del 2021. Una cinquantina gli autori che hanno proposto laboratori, incontri e approfondimenti in una decina gli istituti comprensivi, da Nord a Sud. Alle scuole di Napoli, Milano e Varese, già presenti nelle edizioni precedenti, si sono aggiunti infatti Istituti Comprensivi di Firenze, Taranto e Palermo. Nel 2022 viene coinvolta anche Genova.