Adozione alternativa ai libri di testo

Arricchire e diversificare la dotazione libraria delle classi e delle scuole, dalla primaria alla secondaria di II grado, è possibile attraverso l’adozione alternativa ai libri di testo ministeriali.

Come adottare un testo a scuola

Ogni anno gli insegnanti possono scegliere di acquistare tramite le cedole del Comune (scuola primaria) o far acquistare alle famiglie (scuola secondaria) libri di narrativa per ragazzi, di divulgazione, ad alta leggibilità, tattili e in CAA, ma anche materiale multimediale, atlanti, carte geografiche, dizionari e software, spendendo la stessa cifra fissata per l’acquisto dei libri di testo. La scelta può riguardare tutte le materie o solo alcune e può essere modificata o rinnovata di anno in anno.

INFORMAZIONI PRATICHE

COME SI FA L’ADOZIONE ALTERNATIVA

L’insegnante o gli insegnanti che decidono di avvalersi dell’adozione alternativa, scrivono un progetto nel quale spiegano il motivo della scelta e che tipo di materiale intendono acquistare con i fondi disponibili. La cifra a disposizione si evince dalla tabella ministeriale che esce ogni anno con il costo di ogni singolo libro.

Il progetto viene discusso nel mese di maggio nell’interclasse per i libri di testo. Sempre entro il mese di maggio (la data precisa viene comunicata annualmente), il Collegio dei Docenti approva il progetto e delibera per l’adozione alternativa al libro di testo per l’anno successivo.

La comunicazione dei dati adozionali va effettuata on line, da parte delle istituzioni scolastiche, tramite l’utilizzo della piattaforma presente sul sito www.adozioniaie.it, entro il mese di giugno (la data precisa viene comunicata annualmente).

All’inizio dell’anno scolastico successivo il progetto per l’adozione alternativa al libro di testo può essere inserito nel POF, unitamente all’elenco dei titoli selezionati.

Dal momento che nella scuola primaria i libri sono gratuiti per le famiglie e il loro acquisto viene regolato attraverso cedole di pagamento emesse dal Comune di appartenenza. Per procedere con l’adozione alternativa, i docenti o la segreteria prendono accordi con una libreria, che a sua volta si accorda con il Comune per i pagamenti.

Per saperne di più, consulta i seguenti link: