locandinaI libri sono portatori di gioia, fantasia, possibilità. Si possono somministrare a tutte le ore, senza controindicazioni.

I libri come una vera e propria medicina dell’anima, soprattutto quando a dover passare un periodo di tempo in ospedale sono coloro che non vorremmo mai vedere in quei luoghi, cioè i bambini e i ragazzi. I libri possono quindi essere strumenti di evasione, per volare fuori dalle mura dell’ospedale e aiutare ad affrontare con più coraggio un ricovero.

Con questo spirito è nata l’iniziativa ICWA "Libri in ospedale" che ha visto la sua prima realizzazione mercoledi 16 dicembre 2015 nei reparti pediatrici dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.
Gli scrittori per ragazzi Claudia Ferraroli, Roberto Piumini e Gabriele Clima, a nome di tutti i colleghi soci di ICWA, hanno donato sacchi di libri alla biblioteca dell’Ospedale. «Grazie alla generosità dei colleghi scrittori di ICWA abbiamo raccolto quasi 150 libri» spiega Claudia Ferraroli, promotrice e organizzatrice dell’iniziativa.

L’idea è nata dall’esperienza personale vissuta recentemente da Claudia Ferraroli: «Purtroppo poche settimane fa la mia famiglia ha perso un nipotino di soli 3 anni, a causa di un grave tumore pediatrico. Il dolore, seppur composto nella sua espressione, dei genitori di Kevin è stato lo spunto per reagire. Da qui l’idea di poter portare alcuni momenti di gioia ai bambini e ragazzi ricoverati nell’ospedale che si è preso cura del piccolo Kevin».

piumini e clima donazioneAl momento della donazione era presente, oltre alla Direzione Sanitaria e alle maestre che seguono i bambini e i ragazzi ricoverati, anche la mamma del piccolo Kevin. Claudia, Gabriele e Roberto hanno visitato i bambini e i ragazzi ricoverati, regalando i libri e leggendo insieme alcuni brani di quelli preferiti.
L’iniziativa è stata accolta con grande piacere sia dalla Direzione Medica sia dalle insegnanti, a sottolineare quanto la lettura possa essere uno strumento prezioso anche per affrontare un percorso di malattia e cura.ospedale1ospedale2

ospedalesacchidonazionelibri donazione